Cos’è e come funziona Mastodon

Una nuova struttura sociale che sfrutta tutte quelle che sono le caratteristiche di una rete

Ho da poco scoperto Mastodon, un network decentralizzato con un’interfaccia molto simile a quella di Twitter, ma che ha delle potenzialità irraggiungibili da qualsiasi altro social network perché sfrutta tutte le caratteristiche di internet e le focalizza intorno all’utente.

In rete si fa ancora molta difficoltà a capire il concetto di Mastodon, quindi adesso vedremo di spiegarlo nella maniera più semplice possibile, però prima facciamo un passo indietro.

Il social network fino ad oggi

Twitter, Facebook e Instagram sono i social network che conosciamo tutti. Lasceremo stare l’unione di Facebook ed Instagram, continuiamo a considerarle di famiglie separate per poter esprimere meglio il concetto. Esistono anche altri social network, ma mettimoli da parte, prendiamo in considerazione i 3 appena menzionati e facciamoci una domanda: Cos’hanno in comune?

Ognuno dei social network che abbiamo menzionato ha il proprio (unico) server, con le proprie regole e i propri utenti. Un utente di Twitter non può comunicare con un utente di Facebook, e un utente di Facebook non può decidere di eliminare il proprio account trasferendo tutto il suo trascorso su un account di Instagram.

La timeline per ognuno di essi è unica, e tu sei portato a leggere unicamente i profili che segui. Di conseguenza, per quanto i 3 social vantino ciascuno di milioni di utenti attivi, se il tuo profilo ha (ipotizziamo) 300k follower, quando aggiungi un contenuto questo viene visto da 300k di follower più eventuali ricondivisioni, non da tutti i milioni di utenti.

Poi, se il social network decide che il tuo contenuto non rispetta le condizioni d’uso, questo lo elimina. Puoi cercare di chiarire con l’ufficio amministrativo del social network stesso per fartelo riaccettare, ma se loro decidono che quel contenuto non è accettato, quel contenuto non sarà pubblicato, e se tu non vuoi perdere i tuoi follower ti adatti alle loro regole. Non parliamo dei casi in cui bloccano il tuo account.

Se il server del social va in down, tutti i milioni di utenti non possono collegarsi, oppure se un Governo decide di censurarlo, i cittadini di quel paese non potranno più usare quel social network. Completiamo con la ciliegina sulla torta: Tutti i dati stoccati su un server unico sono dati che possono essere venduti a qualsiasi miglior offerente.

Questa è l’attuale idea di social network che abbiamo, social centralizzato.

Mastodon

Adesso ti spiego perché devi cominciare a considerare seriamente l’idea di far parte di Mastodon.

Mastodon non è proprio un social network. Mastodon è un network federato. Questo è formato da tanti piccoli server indipendenti, che hanno domini, nomi, regole e utenti indipendenti e diversi, con la particolarità che questi server possono comunicare tra di loro. Ogni server si chiama Istanza. Quando ci si iscrive a Mastodon, in realtà ci si iscrive ad una Istanza di Mastodon.

Bisogna quindi scegliere l’istanza a cui si vuol fare parte. Esistono tantissime istanze, queste possono essere pubbliche o ristrette, e ognuna di essa può decidere se vuole fare parte dell’intero ecosistema Mastodon permettendo i collegamenti con le altre istanze.

Una volta eseguito il primo accesso ci ritroveremo un’interfaccia grafica quasi identica a quella di Twitter, con l’unica differenza che il Tweet si chiama Toot, il Retweet si chiama Boost, e che invece di una timeline ce ne ritroviamo 3, così identificate

  • Home: è la timeline principale, quella che conosciamo tutti, e cioè quella che mostra tutti i contenuti di tutti i profili che seguiamo.
  • Locale: è la timeline dell’istanza. Tutto ciò che viene scritto nel server da tutti gli utenti finisce qui dentro, sia di persone che seguiamo che di persone che non seguiamo (tranne quelle che abbiamo bloccato o silenziato). Ciò significa che anche essendo nuovi e avendo 0 seguaci, tutti coloro che sono registrati nel nostro stesso server ci leggeranno in questa timeline.
  • Federazione: questa è la timeline della federazione. Quando un utente nel nostro server segue un utente di un altro server, tutto ciò che l’utente dell’altro server pubblica finisce in questa timeline. Se un utente “straniero” non ci interessa possiamo bloccarlo o silenziarlo, oppure possiamo silenziare l’intera istanza straniera.

Praticamente, se per esempio io mi iscrivo al server 1 che conta 2000 utenti registrati, e vengo seguito solo da un utente (cioè ho un solo seguace) nel server 2 che conta 5000 utenti registrati, Mastodon mi dà comunque la possibilità di mostrare i miei contenuti a 7000 persone (più eventuali ricondivisioni), pur avendo un solo follower.

Ma io non solo posso comunicare con utenti di istanze differenti, posso anche esportare tutti i dati con un backup, tutte le pubblicazioni e le immagini, eliminare completamente il mio account da una istanza e registrarla su un altro server ricaricando tutto il mio trascorso. Questo perché se magari vedo che le regole della mia istanza non sono compatibili con il mio modo di usare il social (per esempio, pratico lo spam), io non sono obbligato a restare li per non perdermi il pubblico di Mastodon. Anzi, mi sposto fisicamente su un altro server continuando ad avere la possibilità di essere seguito dall’istanza che ho appena abbandonato.

I server, inoltre, non sono gestiti da grandi amministrazioni, ma da persone come noi con la quale possiamo tranquillamente parlarci, e di conseguenza si ha la possibilità di chiarire umanamente ogni tipo di disguido.

C’è da dire anche che con una suddivisione di utenti su più server, non c’è Governo che censura o agenzia che compra i nostri dati che tenga, perché un’agenzia paga per milioni di utenti, non per le poche migliaia contenuti su un solo server, e in caso di censura gli utenti possono spostarsi su una istanza che magari il Governo non può toccare perché magari in un altro paese, ed il tutto senza perdere le proprie pubblicazioni.

Questo si chiama social decentralizzato.

Non abbiamo sponsorizzazioni che finiscono nelle nostre timeline, e tutti i messaggi di tutti gli utenti sono visualizzati in ordine cronologico, senza nessun algoritmo che favorisca un utente invece di un altro.

Per riassumere brevemente, se Facebook, Twitter ed Instagram fossero delle istanze di Mastodon, gli utenti di tutti e 3 i social potrebbero parlare tra di loro, e sarebbero liberi di spostare il proprio account da Facebook a Twitter senza perdere nessuna foto e nessuna pubblicazione. Questo è il concerto di federazione, anzi di Fediverso.

Ti ho convinto?

Per partecipare o anche solamente per provarlo dobbiamo andare su joinmastodon.org, e premere Get Started

Ci verrà data la possibilità di filtrare i server consigliati da Mastodon in base alla categoria e alla lingua interessata. Ci tengo a precisare che le istanze non sono unicamente quelle all’interno di questi filtri, ma sono comunque un ottimo passo per iniziare e per poi eventualmente andare a spostarsi su un’altra istanza.

Noi siamo su mastodon.uno, l’istanza di Mastodon Italia le cui regole permettono un utilizzo pulito contrastando lo spam e i link referral, ma è anche possibile registrarsi o spostarsi su mastodon.bida.im.

Riferimenti

Condividi se l'articolo ti è piaciuto, ci aiuterai a crescere

Francesco

Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.
 

Commenti

  1. Ciao Francesco,
    ho scoperto ieri Mastodon, via il Blog di Stefano Quintarelli, autore del libro “**** ****”.

    Quel libro per me è un diagnostico di errore di sistema [sociale], quindi lo trovo stimolante per indurre a capire come e perché sia necessario risalire [tracebck] alle sue cause.

    Ho iniziato a provare Mastodon – https://mastodon.uno/@prolocwt – citando un articolo recente su l’Olivetti. Per ora mi limito a rifrasare e ripubblicare il mio post [o “toot”] introduttivo, nella speranza di riuscire a renderlo adeguato ad avviare un dialogo.

    Complimenti per questa tua introduzione; l’ho trovata usando duckduckgo.

    Un cordiale saluto da [nonno] Luigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *