Acquistare per caso un Nokia 105

Un acquisto del tutto casuale ma che si è rivelato di un’utilità inaspettata

La verità è che mi ero recato al centro commerciale per acquistare un nuovo auricolare bluetooth, perché quando sono al telefono per lavoro il più delle volte ho bisogno di consultare materiale che ho sullo smartphone, e con un auricolare bluetooth posso farlo mentre parlo.

Trovo un auricolare del prezzo di €19,99 e convinto lo prendo. Gironzolando però mi casca l’occhio su questo telefono cellulare dal prezzo di €24,99, praticamente €5 euro in più di tutto un auricolare. Una sim a casa l’avevo già, l’ho lasciata inutilizzata da quando sono passato dallo Zenfone 2 al Redmi Note 7. Quest’ultimo non permette di utilizzare due sim e una scheda di memoria esterna contemporaneamente.

Così mi sono detto: Perché no?

Lascio l’auricolare e prendo il telefono cellulare. Torno a casa, infilo dentro la sim, lo accendo e ci perdo due minuti. Perché non l’avevo fatto prima?

Si è dimostrato di una comodità disarmante, ha pochissime funzioni

  • telefonate
  • sms
  • calendario
  • calcolatrice
  • torcia
  • sveglia
  • autonomia in stand-by di oltre 20 giorni

tutto contenuto in un dispositivo leggerissimo e piccolissimo

confronto tra Redmi Note 7, Nokia 105 e iPod Nano 7

La mia situazione è questa: uso lo smartphone solo la mattina durante la colazione per leggere le ultime notizie con Feedly, durante il giorno è messo di parte perché lavorando al PC comunico con Skype e con Telegram, e non mi metto a navigare di certo con lo smarphone. L’unico utilizzo che ne faccio durante il giorno è telefonare. Di sera a letto c’è qualche video di YouTube. Stop. Gli usi extra-ordinari si svolgono fuori casa e fuori l’ufficio, magari per cercare un luogo dove mangiare, oppure usando maps per raggiungere un posto che non conosco, ma non accade sempre.

Con l’arrivo di Nokia 105 l’utilizzo del Redmi Note 7 si è ridotto all’osso, perché

  • durante l’orario di lavoro ricevo telefonate sul Nokia
  • se vado a correre o a girare in bici porto con me solo il Nokia per le emergenze, vista la sua compattezza, del padellone non me ne faccio nulla
  • se c’è una condizione di profondo buio utilizzo la torcia del Nokia perché ha un’attivazione più immediata

Praticamente dove cede lo smartphone entra in gioco il cellulare, e dove cede il cellulare entra in gioco lo smartphone. Praticamente ricarico lo smartphone e il cellulare una volta ogni settimana. Un affare!

Link

Offrimi un caffè su ko-fi.com
Controlliamo randomicamente il funzionamento dei link nei nostri articoli. Nel frattempo, se dei link risultano corrotti segnalacelo tra i commenti, li correggeremo. Grazie.

Francesco

Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *