Dummy-X

Informatica a portata di tutti

Bloccare i siti che minano con il nostro browser

5 gennaio 2018 / Hi-Tech / 588 visualizzazioni
Scritto da  

Usare il computer di qualcun altro è la nuova frontiera per guadagnare abusivamente denaro con le criptovalute

La caccia alla criptomoneta va verso l’infinito ed oltre, fino allo sfruttare la potenza di calcolo degli internauti per poterla generare.

L’idea di fondo è semplice: un utente naviga su un sito internet, che include uno script che utilizza tutta la potenza di calcolo del computer del visitatore per generare criptomoneta che sarà accreditata sul portafogli del gestore del sito.

A questo punto potrebbe scattare la domanda “Che me ne frega?”, se non fosse che lo script sfrutta il 100% del processore rendendo il più delle volte il computer inutilizzabile. Generalmente script del genere si nascondono nei siti che distribuiscono film piratati in streaming, ma potrebbero essere nascosti in qualunque altro sito.

Per ovviare il problema ed evitare che i siti utilizzino la nostra potenza di calcolo è possibile fare uso di alcuni plugin, per Chrome e Firefox, che fanno a caso nostro.

Mineblock è un plugin per Chrome, NoCoin è disponibile sia per Chrome che per Firefox, e consistono in un funzionamento molto simile a quello di AdBlock.

Questi plugin intercettano gli script abusivi e li bloccano, notificandovi la loro presenza.

Condividi se l'articolo ti è piaciuto, ci aiuterai a crescere
Francesco Celiento
Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *