I ridicoli costi di Evernote Premium

Quando gli abbonamenti ai servizi diventano esagerati, bisogna parlarne

Ho sempre lavorato tantissimo con Evernote, un efficiente strumento di lavoro in grado di organizzare tutta la vita lavorativa e non solo. Lo utilizzavo per organizzarci tutta la mia vita.

Non sono mai passato all’utilizzo dell’account Premium, e in paio di occasioni mi è pesato perché l’account Basic ha delle limitazioni, come 60 MB di upload al mese, il limite massimo di 25 MB della nota, e il limite massimo di 250 taccuini. Se utilizzi il tuo account per tutto, anche per abbozzare della documentazione, ai 25 MB ci arrivi facilmente e ti riduci ad utilizzare altri servizi, quali OneDrive o Google Drive.

A me non piace utilizzare tanti servizi, mi piace avere tutto organizzato in un unico posto.

Da meno di un anno ho scoperto CherryTree, l’ho provato per testarne le sue potenzialità e dopo aver verificato che era quello che mi serviva ho completamente preso tutte le note di Evernote, su Google Drive e su Google Keep e le ho trasferite su un file di CherryTree.

Oltre a poter scrivere illimitate note di qualsiasi dimensione, illimitati “taccuini” (che in cherrytree si chiamano nodi), ho cominciato a trascrivere anche una sorta di diario giornaliero per avere anche una memoria del mio passato, ed ho scoperto una cosa molto interessante.

Quando usi servizi del genere, le note possono essere sia persistenti che temporanee, ciò significa che puoi scrivere su una nota l’intera documentazione di un applicativo per poi trasferirla su un documento di testo liberando spazio, oppure puoi scriverti un appunto che sai ti servirà per sempre.

Dopo aver eliminato le note temporanee, creando documenti .doc dedicati, ho fatto caso alla dimensione del file del mio CherryTree, ed ho notato che il file dove appunto tutto pesa 6.302 KB, e all’interno c’è veramente il mondo, non ci sono proprio 2 o 3 caratteri.

Adesso arriviamo al punto

Il mio file di CherryThree, attualmente, contiene tutto il mio trascorso degli ultimi 5 anni di lavoro, insieme ad un mio diario personale degli ultimi 6 mesi. Se volessi riportare tutto su Evernote non potrei farlo con l’account Basic, perché il tutto supererebbe abbondantemente il limite dei 250 taccuini, ciò significa che per memorizzare 6.302 KB su Evernote dovrei pagare la somma di 6,99€/mese. Costa troppo. È ridicolo.

È chiaro che Evernote mette a disposizione numerosi tool per il lavoro in team, ma chi li usa? In ufficio sono obbligato ad utilizzare Skype, per esempio.

Vi sembra normale che un’azienda che si rispetti chieda ad un utente il pagamento di 6,99 euro mensili per lo stoccaggio di note che hanno chiaramente un peso ridicolo?

A me sembra che le persone non pensino più con la propria testa. Mi direte che in Evernote all’interno della nota ci posso mettere di tutto, ma anche in CherryTree, puoi metterci le foto, ogni tipo di file, puoi caricarci qualsiasi cosa salvando tutto in un file archivio in locale che puoi stoccare su un qualsiasi servizio di cloud gratuito, e quindi ritrovartelo su tutti i tuoi dispositivi.

Sia chiaro, ognuno è libero di fare ciò che vuole.

Offrimi un caffè su ko-fi.com
Controlliamo randomicamente il funzionamento dei link nei nostri articoli. Nel frattempo, se dei link risultano corrotti segnalacelo tra i commenti, li correggeremo. Grazie.

Francesco

Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *