Dummy-X

Informatica a portata di tutti

Gestire le troppe schede di Google Chrome in Spaces

30 Ottobre 2018 / Hi-Tech / 104 visualizzazioni
Scritto da  

Un comodissimo plugin di Google Chrome per tenere ordinato il caos che si crea al lavoro

Chi con il browser ci lavora, in poche ore ci si ritrova ad avere a che fare con numerosissime schede aperte facendo addirittura perdere l’idea di cosa abbiamo già aperto, correndo il rischio di aprire più schede con la stessa pagina web. Ciò significa in 3 parole: risorse occupate inutilmente.

Per risolvere il problema del disordine ho trovato l’estensione di Chrome Spaces, che permette di gestire dei veri e propri spazi per le nostre schede, dandoci la possibilità di organizzarle per categoria.

Per esempio io le ho organizzate per personali, segnalazioni, test, application, ricerche. All’inizio può sembrare sia più scomodo del previsto ma una volta presa l’abitudine ad utilizzarlo non si può più farne a meno, in quanto a seconda dell’attività che dobbiamo eseguire ci spostiamo direttamente nell’area dedicata per trovare la scheda già aperta e caricata.

Per chi pensa sia più comodo chiudere e riaprire continuamente le schede, si sbaglia, in quanto quando hai a che fare con 30-40 schede aperte il discorso è molto più complesso.

Inoltre, l’addon tiene anche memoria delle schede chiuse per poterle ripristinare in un secondo momento.

Condividi se l'articolo ti è piaciuto, ci aiuterai a crescere
Francesco
Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *