Epson ET-2710 EcoTank: La recensione

La stampante multifunzione di Epson che rispetta l’ambiente

Epson, famosissima nel mercato delle stampanti, si è addentrata con ferocia con dei modelli completamente a favore dell’ambiente, proponendo la linea EcoTank la cui caratteristica principale è quella di presentare i serbatoi dell’inchiostro all’interno della stampante stessa, ricaricabili con dei flaconi che permettono un minor smaltimento in termini di rifiuto finale.

Utilizzo in generale

L’utilizzo di questa stampante è molto semplice. È molto compatta e leggera, presenta pochi comandi fisici che permettono di accenderla/spegnerla, ed avviare fotocopie in bianco/nero o a colori. I serbatoi degli inchiostri sono facilmente accessibili, ed è possibile ricaricarli con il minimo sforzo annullando completamente gli sprechi.

Connessione

Compatibile con Windows, Linux, Android e (probabilmente, non ho provato personalmente) anche con i sistemi Mac, permette di stampare e digitalizzare documenti con lo scanner direttamente dalla rete Wi-Fi domestica. La stampante è sempre pronta, l’unico freno è la lentezza di stampa, in quanto inkjet.

Ricariche ecologiche

Dimentichiamoci delle costose cartucce che finiscono subito, perché questa stampante si ricarica con flaconi da 70ml di inchiostro, un contenuto davvero enorme, in grado di garantire oltre 4000 stampe con una sola carica.

Qualità di stampa

La qualità di stampa è veramente molto alta, è in grado di stampare foto (su carta fotografica, si intende) con il massimo dettaglio. Questo la rende un componente essenziale da introdurre in ambito casalingo in quanto permette non solo la stampa e la digitalizzazione dei documenti, ma anche la stampa di foto in maniera totalmente autonoma. Ovviamente, per ottenere il miglior risultato sulla stampa fotografica, è consigliabile utilizzare gli inchiostri originali Epson.

Inkjet o laser?

Quando abbiamo recensito la Brother MFC-L2700DW laser, abbiamo già parlato della differenza tra stampante laser e inkjet.

Le stampanti inkjet sono più leggere da trasportare, hanno una velocità di stampa più lenta rispetto le stampanti laser, hanno bisogno di essere utilizzate di tanto in tanto per evitare l’otturazione degli ugelli, e se di particolare fattura sono ottime per la stampa delle foto. Non ha bisogno di scaldarsi per funzionare e non teme la polvere.

Ho sempre remato contro le injket per colpa del costo delle cartucce. Queste sono sempre state costosissime in cambio di pochi ml di inchiostro. Questa ET-2710 invece è ricaricabile con ogni tipo di inchiostro senza particolari trasfusioni, in quanto il liquido va travasato direttamente dal flacone al serbatoio interno. C’è da considerare che io sto utilizzando solo gli inchiostri originali in quanto i flaconi da 70ml costano sotto i 10€, e i colori sono nettamente più brillanti dei compatibili.

Link e riferimenti

Offrimi un caffè su ko-fi.com
Controlliamo randomicamente il funzionamento dei link nei nostri articoli. Nel frattempo, se dei link risultano corrotti segnalacelo tra i commenti, li correggeremo. Grazie.

Francesco

Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *